Il 22 febbraio la premiazione della Hall of Fame 2015

Sarà ancora una volta la splendida cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze ad ospitare, lunedì 22 febbraio alle ore 11.30, la cerimonia di premiazione della ‘Hall of fame del calcio italiano’ edizione 2015, il riconoscimento istituito nel 2011 dalla FIGC e dalla Fondazione Museo del Calcio che vedrà altri 10 fuoriclasse entrare a far parte di un firmamento calcistico dove brillano 47 stelle: Gianluca Vialli (Giocatore italiano), Ronaldo (Giocatore straniero), Roberto Mancini (Allenatore italiano), Corrado Ferlaino (Dirigente italiano), Roberto Rosetti (Arbitro italiano), Marco Tardelli (Veterano Italiano), Patrizia Panico (Calciatrice italiana), Giacinto Facchetti, Helenio Herrera, Umberto Agnelli (Premi alla memoria).



Prima della cerimonia di premiazione, all’interno della Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, 100 bambini e ragazzi delle scuole fiorentine avranno la possibilità di conoscere Ronaldo Luís Nazário de Lima, Patrizia Panico e Roberto Rosetti. L’incontro vedrà la partecipazione del Sindaco di Firenze Dario Nardella, da tempo impegnato con gli istituti scolastici del Comune in un percorso di confronto aperto con le giovani generazioni su diversi temi.

La giornata proseguirà al Salone dei Cinquecento, dove saranno esposte anche le quattro Coppe del Mondo vinte dalla Nazionale che dal 19 febbraio potranno essere ammirate a Palazzo Vecchio. La miglior cornice possibile per celebrare dieci grandi protagonisti del nostro calcio, dal ‘Fenomeno’ per eccellenza, Ronaldo Luis Nazario de Lima, a Marco Tardelli, Campione del Mondo a Spagna ’82 e Campione d’Europa sulla panchina della Nazionale Under 21. Tra i premiati ci sono poi Patrizia Panico, vera e propria icona del calcio femminile e detentrice del primato di presenze in maglia azzurra, Roberto Rosetti, per anni tra i migliori arbitri del mondo e project leader dell’organizzazione della finale della Champions League Femminile 2016 in programma il prossimo 26 maggio a Reggio Emilia e Corrado Ferlaino, capace di regalare a Napoli negli anni della sua presidenza due scudetti, una Coppa UEFA, una Supercoppa Italiana e due Coppe Italia. Da sottolineare anche i tre premi alla memoria a Giacinto Facchetti, Campione d’Europa con la Nazionale nel 1968, al ‘Mago’ Helenio Herrera e all’ex presidente federale nonché numero uno della Juventus Umberto Agnelli.

Pin It

figc.it nuovo ghinea assoallenatori.it

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione.

Gli utenti sono invitati a leggere la Privacy Policy e la Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono necessari per questo sito internet per funzionare correttamente.Gli utenti sono invitati a leggere la Privacy Policy e la Cookies Policy che si applica alla navigazione del Sito e alla fruizione dei servizi od altre funzionalità offerte sul Sito. La Privacy Policy e la Cookies Policy del sito sono state aggiornate alle disposizioni dell’art. 13 del nuovo regolamento europeo 679/2016 (GDPR). Utilizzando questo sito stai accettando la privacy policy e utilizzo dei cookies.

La Fondazione Museo del Calcio garantisce il rispetto del nuovo regolmento europeo 679/2016 GDPR in materia di protezione dei dati personali. Privacy policy

La Fondazione Museo del Calcio utilizza dei cookies per questo sito internet. I cookies sono necessari per questo sito internet per farlo funzionare correttamente. Cookies policy

EU regolamento generale sulla protezione dei dati (EU-RGPD)